Azione A1

Attività amministrative collegate all’avvio del progetto.

Azione funzionale alla predisposizione di tutti gli atti amministrativi per l’avvio del progetto, quali la sottoscrizione delle convenzioni tra Regione Lombardia, in qualità di Beneficiario coordinatore e i partner, e tra questi e i sub-contraenti per le attività esterne.

Vengono designati i componenti dello staff tecnico-amministrativo di progetto, oltre a definire i ruoli e relative responsabilità nell’ambito delle diverse Azioni di competenza.

Azione A2

Creazione di un comitato di coordinamento per le attività di gestione e conservazione del corridoio fluviale del Fiume Po con particolare riguardo alla Rete Natura 2000.

Con quest’azione viene costituito un Comitato di Coordinamento per tutta l’area di influenza del progetto, con lo scopo di armonizzare e pianificare in  modo condiviso le diverse attività di gestione e conservazione, con particolare riguardo alla attività di gestione dei siti della Rete Natura 2000.

Azione A3

Progettazione degli interventi di ripristino della continuità del corridoio fluviale, del sistema di controllo e degli altri interventi strutturali previsti

Questa Azione, che si sviluppa dal 1/01/2012 al 31/12/2013, prevede la progettazione di due interventi: il primo relativo al passaggio per pesci per il superamento dello sbarramento di Isola Serafini; il secondo è relativo alla progettazione di un percorso didattico e strutture ricettive tra i passaggi per pesci di Porto della Torre e di Panperduto sul Fiume Ticino.

Azione B1

Messa a disposizione dei terreni per la costruzione del passaggio per pesci a Isola Serafini

ENEL Green Power, concessionario e gestore della diga di Isola Serafini, entro il 31/12/2013 metterà gratuitamente a disposizione i terreni di sua proprietà, individuati nella fase progettuale, formalizzando la cessione attraverso un atto ufficiale con la Provincia di Piacenza, in qualità di Ente gestore del SIC IT4010018 “Fiume Po da Rio Boriaccio a Bosco Ospizio”, che diventerà titolare del Diritto di Superficie su cui insisterà l’opera.

Azione C1

Realizzazione del passaggio artificiale per pesci con annesso sistema di controllo a Isola Serafini

Questa Azione, successiva alle precedenti, prevede tra il 1/01/2014 e il 31/12/2015 la realizzazione del passaggio per pesci a bacini successivi che collega entrambi i rami del fiume Po a monte e valle della diga di Isola Serafini, dimensionato in modo tale da permettere il passaggio anche di specie ittiche di grosse dimensioni quali lo storione cobice, che rappresenta la specie target.  Questa struttura sarà inoltre dotata di un sistema di monitoraggio continuo dei pesci in transito mediante telecamere, oltre a un sistema di cattura e rilascio in grado di esercitare sia studi sui pesci in attraversamento che un controllo e prelievo sulle specie esotiche invasive, come previsto dall’Azione C3. Una struttura didattica permetterà inoltre la diffusione delle tematiche legate alla conservazione del corridoio fluviale tra i visitatori.

Azione C2

Allevamento e ripopolamento di Acipenser naccarii* e di altre specie di interesse comunitario nei Siti della Rete Natura 2000 compresi nell’area di progetto.

Le attività previste da quest’azione, che si sviluppa per tutta la durata del progetto (1/01/2012 - 30/06/2017), possono essere ricondotte a 2 principali linee di intervento legate all’allevamento e rilascio di esemplari di Storione cobice e di Ciprinidi reofili, a supporto delle popolazioni di queste specie che risultano in declino per l’azione congiunta di fattori limitanti.

Azione C3

Attività di controllo e contenimento delle specie ittiche esotiche invasive in corrispondenza delle strutture realizzate a Isola Serafini.

Il sistema di controllo e contenimento delle specie esotiche invasive progettato con l’azione A3 e realizzato con l’azione C1 nel passaggio per pesci di Isola Serafini, sarà operativo a partire dai primi mesi del 2016.

Le funzioni di controllo e contenimento saranno affidate ad un soggetto subcontraente individuato mediante pubblico appalto dalla Provincia di Piacenza e riguarderanno:

  • sopralluoghi con cadenza giornaliera presso la struttura per verifica dell’eventuale presenza di animali trattenuti e dell’operatività del sistema;
  • manutenzione e pulizia periodica della struttura;
  • manipolazione degli animali trattenuti dal dispositivo per la selezione degli esemplari da prelevare e di quelli da marcare a rilasciare (es. Storione cobice).

Azione D1

Verifica del ripristino della migrazione ittica a seguito della realizzazione del passaggio artificiale per pesci.

Rappresenta la fase di monitoraggio post-operam del funzionamento della struttura realizzata, e si svolge dal 1/07/2013 a fine progetto (30/06/2017).

Azione D2

Controllo dell’efficacia dei ripopolamenti di Acipenser naccarii* e delle altre specie ripopolate.

Le modalità di attuazione del programma di monitoraggio, che partirà dal 1/07/2014 protraendosi sino a fine progetto (30/06/2017), risultano in parte diverse nei due differenti gruppi:

  1.  Storione cobice: per gli stadi giovanili dal terzo anno di progetto si utilizzeranno campagne annuali di elettropesca volte a rintracciare gli esemplari marcati rilasciati.  Per gli esemplari adulti e subaduti, si farà riferimento principalmente ai 100 esemplari storioni dotati di emettitore ad ultrasuoni, che verranno monitorati attraverso una serie di stazioni fisse poste lungo il corso del Fiume Po e nel passaggio per pesci a Isola Serafini che, registrando gli impulsi diversi generati da ogni emettitore, saranno in grado di accertare la presenza dei singoli soggetti in quella data area. A questo si aggiungeranno sia le attività dirette presso il passaggio per pesci a Isola Serafini - infatti le riprese delle telecamere e la possibilità di trattenere nella apposita gabbia di cattura gli storioni in transito, ne permetterà l’identificazione di quelli marcati con microchip – che le segnalazioni di catture accidentali da parte dei pescatori che operano lungo il fiume coinvolti nel progetto attraverso un accordo con le associazioni.
  2. Ciprinidi reofili (Lasca, Pigo, Savetta e Barbo comune): l’attività di monitoraggio partirà dal terzo anno di progetto e consisterà in campagne annuali di elettropesca volte a rintracciare gli esemplari marcati rilasciati.

Azione D3

Verifica dell’impatto socio-economico delle azioni di progetto in ambito locale.

Prevede un sondaggio presso tutti gli operatori locali nel settore della pesca professionistica e dilettantistica (Associazioni di pesca dilettantistica, Cooperative di pesca professionale, singoli cittadini, Enti territoriali locali di gestione dei pesci e della pesca) con diverse modalità: attraverso la newsletter dell’Azione E.6, tramite e.mail per stabilire un contatto diretto con gli Enti di riferimento e tramite il sito web.

In questo modo risulta possibile avere un’indicazione misurabile del ritorno socio-economico delle attività svolte sia attraverso manifestazioni di interesse, che attraverso osservazioni sul progetto provenienti dai diversi portatori di interesse locali (pescatori ed enti di gestione).

Azione E1

Diffusione e messa in rete delle attività del Comitato di Coordinamento per le attività di conservazione del corridoio fluviale del Fiume Po.

E’ la prosecuzione delle attività del Comitato di Coordinamento, essendo terminata l’Azione A2 (30/06/2012), in cui è stato realizzato e ha cominciato ad operare.  

Azione E2

Conferenze stampa di presentazione e reporting del progetto Life.

L’azione consiste nell’organizzazione e realizzazione di circa 10 conferenze stampa di informazione sul progetto sottoforma di evento pubblico, di cui la prima (Kick-off meeting) per l’avvio del progetto.

Hanno la finalità di diffondere e pubblicizzare le attività progettuali e come ulteriore verifica dei risultati raggiunti; contestualmente alle conferenze stampa vengono prodotti altrettanti comunicati stampa che sono diffusi presso le maggiori agenzie nazionali.

Azione E3

Sito web sul corridoio fluviale del Fiume Po con pagine dedicate al progetto Life e piattaforma interattiva di supporto alle attività di progetto.

Il presente sito web di progetto è stato realizzato per dare informazioni sulla Rete Natura 2000 e sull’avanzamento delle diverse Azioni di progetto e viene implementato con aggiornamenti almeno semestrali.

Costituisce inoltre una piattaforma web di supporto alle attività interne della struttura tecnico-organizzativa del progetto, a quelle didattico/divulgative e di networking con analoghe attività condotte in altri programmi.

Azione E4

Produzione e posizionamento di bacheche e pannelli informativi nei siti di progetto e pubblicazione di un opuscolo illustrativo del progetto.

E’ previsto il posizionamento di 8 bacheche in legno certificato con tettuccio e doppio spazio di affissione, recanti ciascuna 2 pannelli. Riguardo alle bacheche, di cm 70x100, saranno realizzate in stampa digitale su PVC con inchiostri e pigmento (UV), laminazione di protezione e montaggio su supporto stratificato.

Azione E5

Filmato educational sul corridoio fluviale del Po e sulle attività di progetto.

Gli almeno 16 pannelli prodotti recheranno testi e immagini sul progetto Life e sull'importanza di agire a livello di bacino con interventi di riconnessione fluviale quali le scale di risalita, utilizzando lo storione come specie bandiera, e saranno contrassegnati dai loghi Life e Rete Natura 2000.

4 pannelli saranno destinati agli ambienti di produzione ittica al Parco del Ticino,  4 al passaggio di Isola Serafini e, per il posizionamento dei rimanenti 8, verranno scelti ambienti posti all’interno dei siti della Rete Natura 2000 nell’area del Po.

Negli ultimi mesi di progetto, sulla base del materiale prodotto, verranno realizzate non meno di 25.000 copie di un opuscolo divulgativo di circa 16 pagine in carte riciclata da distribuire localmente, presso le sedi dei SIC e delle altre aree protette situate lungo il corridoio fluviale coinvolto nel progetto.

 

Negli ultimi 18 mesi di progetto verrà prodotto un filmato in formato digitale focalizzato sull'importanza, per la conservazione sul lungo periodo della biodiversità, degli interventi volti alla riconnessione dei corridoi fluviali e al supporto alle specie ittiche minacciate, utilizzando come esempio esplicativo quanto realizzato dal progetto sul corridoio fluviale del Fiume Po e in favore di Acipenser naccarii e delle altre specie ittiche target.

La prima proiezione del filmato avverrà in occasione del convegno finale. Esso sarà poi distribuito presso le stazioni televisive (locali e nazionali), nell'ambito delle loro rubriche dedicate all'ambiente e alla natura, per la sua più efficace divulgazione.

 

 

Azione E6

Newsletter periodica sull’avanzamento delle attività di progetto.

A partire dal terzo trimestre di progetto, con cadenza semestrale e per un numero totale di almeno 10, verrà prodotta una newsletter bilingue (italiano e inglese) distribuita in formato elettronico sia attraverso la piattaforma web dedicata sul sito del progetto (Azione E.3) che inviata a un indirizzario di circa 500 nominativi comprendenti gli enti istituzionali, le associazioni e i portatori di interesse, nonché i diversi beneficiari di progetti Life focalizzati su analoghe tematiche che saranno coinvolti nelle attività di networking previste dall'Azione F.4.

Anche questo prodotto viene contrassegnato dai loghi Life e Rete Natura 2000 ed è funzionale ad illustrare l’importanza del programma Life per la conservazione della biodiversità.

 

Azione E7

Convegno finale del progetto

Nell’ultimo trimestre di progetto è previsto un Convegno in cui verranno esposti i risultati raggiunti e sarà mostrato per la prima volta il filmato educational prodotto con l'Azione E.5.

Azione E8

Produzione del Layman’s report.

Nell'ultimo trimestre di progetto è prevista la realizzazione di un rapporto divulgativo bilingue (italiano inglese) per il grande pubblico della lunghezza di circa 10 pagine, contenente informazioni riguardo ai fattori limitanti che sono stati affrontati, le specifiche azioni messe in campo per contrastarli e i risultati raggiunti, oltre all’importanza di questo progetto nell’ambito della Rete Natura 2000.  Particolare attenzione verrà posta nell’illustrare il proseguimento delle attività oltre il termine del progetto stesso grazie al lavoro che verrà portato avanti dal Comitato di Coordinamento.

Per ridurre il carbon footprint del progetto il rapporto verrà stampato in un numero limitato di copie (1000) su carta ecologica con utilizzo di inchiostri EuPia, dando invece priorità alla sua diffusione in formato elettronico mediante il suo inserimento nel sito del progetto in formato scaricabile.

Azione E9

Realizzazione di percorsi e strutture per la didattica.

Rappresenta la fase attuativa di quanto progettato nell’Azione A3 per il Fiume Ticino e prevede:

  • Realizzazione di un sentiero di circa 1,2 Km attrezzato di pannelli didattici, realizzati nell’Azione E4, che collega il passaggio per pesci di Porto della Torre al passaggio per pesci di Panperduto, rendendo visitabile e fruibile l’intero intervento di deframmentazione del Ticino sublacuale
  • Allestimento di un’aula didattica multimediale, la cui struttura di muratura è già esistente, di circa 20 mq presso il passaggio artificiale per pesci di Porto della Torre, sul Fiume Ticino,  mediante l’acquisto e la messa in opera di arredi, pannelli, strumenti multimediali utili alla didattica ambientale sui temi della Rete Natura 2000, dei corridoi ecologici e fluviali, delle migrazioni ittiche e dei passaggi per pesci.

Azione E10

Realizzazione di kit didattici e attività di educazione ambientale nelle aree di progetto.

Oltre alle attività didattico/divulgative sviluppate dal progetto a livello di area vasta di intervento e veicolate attraverso la piattaforma web, è prevista sia la realizzazione di materiale didattico rispondente alle diverse esigenze locali che cicli di lezioni nelle scuole o per scolaresche all'interno delle strutture per la didattica realizzate ad hoc sul Ticino (Azione E9) e a Isola Serafini (Azione C1).

Log-in