Stato Avanzamento Azioni connesse alla realizzazione del passaggio per pesci e verifica del suo funzionamento.

Azione A3“Progettazione degli interventi di ripristino della continuità del corridoio fluviale, del sistema di controllo e degli altri interventi strutturali previsti”

Per una maggiore comprensione delle attività svolte per la redazione dei 3 prodotti previsti da questa Azione, si ritiene utile analizzarle separatamente:

  1. Fiume Po, progettazione passaggio per pesci per superamento sbarramento Isola Serafini.
    Dopo un iter piuttosto complesso, si è arrivati alla definizione del Progetto preliminare e del Progetto definitivo. Dall’1/01/2014 la fase realizzativa viene presa in carico dall’Azione C1.
    Per i necessari approfondimenti sulla realizzazione e monitoraggio funzionale del passaggio artificiale per pesci a cui questa Azione è collegata, si rimanda alla specifica pagina di questo sito.
  2. Studio per l’individuazione delle priorità di intervento per la riconnessione fluviale nell’area di progetto.
    Lo studio è stato predisposto in data 30/12/2013 ed è disponibile nella sezione Documenti. Tutte le informazioni di questo studio sono state organizzate graficamente, ed è stata realizzata una carta di sintesi che rappresenta i sottobacini, i punti di frammentazione e la percorribilità relativa.
  3. Fiume Ticino, realizzazione percorso pedonale didattico di collegamento tra i passaggi per pesci esistenti a livello degli sbarramenti di Porto della Torre e di Panperduto.
    Pur avendo consegnato il Progetto definitivo nei tempi previsti da questa Azione, la mancata messa a disposizione dei terreni da parte di un proprietario oltre al parere negativo espresso da ANAS per motivi di sicurezza al progetto alternativo elaborato, ha di fatto precluso la realizzazione di questo percorso previsto con l’Azione E9.

Azione B1“Messa a disposizione dei terreni per la costruzione del passaggio per pesci a Isola Serafini”

Il progetto prevedeva la messa a disposizione da parte di EGP alla Provincia di PC, ma per l’effetto della legge Delrio n. 56 del 7/04/2014 di soppressione delle province non montane, l’accordo è stato sottoscritto tra Enel Green Power (proprietario dei terreni) e Regione Emilia Romagna.

Azione C1“Realizzazione del passaggio artificiale per pesci con annesso sistema di controllo a Isola Serafini”

Questa Azione ha portato alla realizzazione del passaggio per pesci e della trappola di cattura sulla base del progetto sviluppato nella precedente Azione A3, attraverso fasi tra loro successive e complementari di procedure autorizzative, bando di gara e aggiudicazione dei lavori, realizzazione delle opere. Il complesso cantiere della scala per pesci si è protratto per due anni, dal 12/01/2015 al 12/01/2017.

La consegna ufficiale della scala di risalita è avvenuta il 26 febbraio 2017 ed è stata inaugurata il 17 marzo 2017 con un evento pubblico di grande risalto, che ha attirato oltre 500 persone tra autorità Italiane, Svizzere e della UE.

L’entrata in esercizio del passaggio per pesci si ripercuote su altre attività collegate all’apertura del passaggio per pesci, in particolare sulle l’avvio di attività didattiche e le Azioni collegate al monitoraggio della funzionalità dell’opera (Azioni C2, C3, D1, D4) .

Azione D1“Verifica del ripristino della migrazione ittica a seguito della realizzazione del passaggio artificiale per pesci”

Questa Azione è funzionale alla verifica di due aspetti importanti e sinergici tra loro: accertamento della reale funzionalità del passaggio per pesci realizzato dal progetto a Isola Serafini, e conseguente ripristino della migrazione ittica. E’ stata attivata ad avvenuta riconnessione fluviale tramite l’entrata in funzione del passaggio per pesci completato il 31/12/2016. 

L’attività ha consistito in:

  • Raccolta dei dati riferiti agli esemplari trattenuti dal sistema di cattura di cui è dotato il passaggio per pesci;
  • Raccolta dei dati provenienti dal monitoraggio degli storioni rilasciati con trasmettitore (Azione D2).
  • Raccolta settimanale dei video (analisi con digitalizzazione e archiviazione dei dati) registrati presso le altre 4 cabine di monitoraggio localizzate sui seguenti passaggi:
    • Passaggio a bacini successivi presso la diga di Porto della Torre sul Fiume Ticino;
    • Passaggio a bacini successivi presso la diga di Panperduto anch'esso sul Fiume Ticino;
    • Passaggio a bacini successivi presso la diga di Lavena Ponte Tresa sul Fiume Tresa;
    • Passaggio a bacini successivi presso la diga di Creva sul Fiume Tresa;

Ci si attende che le specie ittiche migratrici transitino attraverso la struttura, ri-colonizzando areali nei quali erano assenti da decenni; tra queste specie, oltre a  cheppia, il cefalo calamita e l'anguilla, particolare rilievo assume lo Storione cobice, in quanto oggetto di molteplici interventi di conservazione e tra le specie target di questo progetto, che prevedeva un ulteriore rilascio di soggetti (Azione C2) e il loro monitoraggio anche mediante bio-telemetria (Azione D2), azioni a cui è strettamente legata.

Log-in





Il sito è realizzato con il contributo dello strumento finanziario LIFE della Comunità Europea.